Spread the love Categorie: Matthew Holt “,” “,” “,” “,” “,” “,” “,” “,” “,” “” https://thehealthcareblog.com/blog/2009/02/ 04 / carmona-could-be-logical-pick-for-hhs-job / “,” 200 “,” OK “,” di Val Jones L’amministratore delegato Merrill Goozner ha speculato su chi sarà nominato nuovo segretario di HHS.

Spread the love Categorie: Matthew Holt “,” “,” “,” “,” “,” “,” “,” “,” “,” “” https://thehealthcareblog.com/blog/2009/02/ 04 / carmona-could-be-logical-pick-for-hhs-job / “,” 200 “,” OK “,” di Val Jones L’amministratore delegato Merrill Goozner ha speculato su chi sarà nominato nuovo segretario di HHS.

Complimenti a Iri, Amir e alla squadra in Israele. Spread the love Categorie: Uncategorized Etichettato come: Health 2.0, Uncategorized “,” “,” “,” “,” “,” “,” “,” “,” “,” “” https://thehealthcareblog.com/ blog / 2006/11/10 / tech-big-practice-using-it-less-so-in-small-one / “,” 200 “,” OK “,” Un altro studio incompleto ma utile dell’HSC sull’uso della tecnologia dei medici . Essenzialmente gli investimenti effettuati da grandi gruppi in EMR si stanno rivelando nei dati, con quasi la metà di quelli in gruppi di 50 e oltre che utilizzano ePrescribing, forse l’indicatore chiave se un documento sta utilizzando un computer per una funzione clinica di base. Ma per quelli del gruppo da 1 a 9 il numero è passato dall’8% nel 2001 al 13% nel 2005. Un grande aumento in termini percentuali, ma non esattamente come un fulmine a ciel sereno. Spread the love Categorie: Uncategorized Etichettato come: Startups “,” “,” “,” “,” “,” “,” “,” “,” “,” “” https://thehealthcareblog.com/blog/2010 / 12/23 / send-in-the-clowns / “,” 200 “,” OK “,” Di David Williams David è un amico di lunga data e collaboratore occasionale di THCB. E ha gentilmente chiesto se il pubblico del THCB sarebbe interessato a contribuire all’organizzazione di beneficenza con cui lavora – per favore leggi e dai quello che puoi – Matthew Holt The Hearts Noses Hospital Clown Troupe fornisce clown volontari formati professionalmente a bambini ricoverati a Greater Boston e corsi di formazione per altre compagnie di clown in tutto il mondo. Sono il presidente del consiglio di amministrazione e spero che ti unirai a me nel sostenere il lavoro dei clown facendo una donazione. I bambini ospedalizzati spesso sperimentano stress, paura e ansia, che possono diventare una barriera alla guarigione. Cuori I clown del naso sono appositamente addestrati per fornire sollievo ai bambini malati e sollievo alle loro famiglie. I nostri pagliacci si sforzano di scoprire lo spirito nascosto di gioia e l’energia creativa che vive nel cuore e nell’anima dei bambini, uno spirito che è spesso smorzato dall’ambiente clinico sterile e talvolta spaventoso.

L’obiettivo principale dei nostri pagliacci è coinvolgere, responsabilizzare e dare scelte ai bambini ricoverati. Dopo un viaggio rivoluzionario in Russia con il famoso clown e medico Patch Adams, la fondatrice della troupe Jeannie Lindheim iniziò a offrire una serie di seminari sul clown in ospedale negli anni ’90. Lindheim, un attore, ha iniziato ad addestrare clown per visitare i bambini malati e disabili negli ospedali della zona di Boston.reduslim forum Ha formato la Clown Troupe e ha lavorato diligentemente per costruire un gruppo di volontari forte e professionalmente preparato. Più di un decennio dopo, i nostri clown sono ancora tutti volontari e abbiamo contribuito a costruire troupe di clown in tutto il mondo. La troupe continua a offrire laboratori di formazione e ha pubblicato The Art Manuale e DVD di Joy of Hospital Clowning per coloro che non possono arrivare a Boston. Incontriamo i giovani quando sono più impotenti e più vulnerabili, affrontando problemi medici (acuti o cronici) che li costringono a entrare in un ospedale o in un contesto sanitario istituzionale. Usando le arti teatrali, la musica e il gioco di improvvisazione, i nostri clown coinvolgono i bambini in interazioni che alleggeriscono il loro spirito e li allontanano, per un periodo di tempo, dal duro lavoro di guarire. Nel processo, i nostri pagliacci aprono la volontà del bambino di riprendersi, trasformando anche il paziente più chiuso in uno più ottimista e più ricettivo al trattamento prescritto dal team medico.

Cuori I clown dell’ospedale del naso si allenano per due anni e lavorano a stretto contatto con specialisti artistici, specialisti dello sviluppo infantile e il nostro direttore medico, Michael Agus, MD, direttore, medicina intensiva al Children’s Hospital di Boston. L’anno scorso abbiamo concentrato le nostre sessioni di formazione continua su argomenti di sviluppo del bambino e portato esperti per insegnarci come comunicare meglio con i bambini che hanno bisogni speciali, in particolare quelli che sono nello spettro dell’autismo. Nel prossimo anno speriamo di espandere la nostra formazione ad altre gravi disabilità e condizioni speciali. Il modo migliore per spiegare cosa facciamo è condividere la storia di una vera visita da clown. Come raccontato da uno dei nostri pagliacci: Abbiamo visto un bambino, Benjamin, per anni. Ha 10 anni.

Non può muovere le mani ed è a letto o su una sedia a rotelle reclinabile. È raggiante ogni volta che vede i nostri pagliacci. Il suo piede e le dita dei piedi agiscono come la sua mano. Fa funzionare i trucchi magici picchiettando i nostri trucchi con il piede. Oggi lo visitiamo. Interpreto un clown silenzioso. La mia partner, Poppy dice, “Bloopers ha perso la voce”. Cerchiamo nelle mie tasche, dietro il bancone dell’infermiera … ovunque per la mia voce. Benjamin dice: “Dirò la parola magica”. Lo fa e la mia voce ritorna. Prende le carte che gli diamo con le dita dei piedi. Benjamin non vuole mai che andiamo via quando visitiamo e dice sempre: “Un altro trucco magico?” Visitiamo tutti i bambini sui pavimenti e poi parliamo delle nostre visite nella hall quando abbiamo finito di vedere tutti i bambini. Sto per lasciare l’ospedale. Guardo nella mia borsa da clown e mi rendo conto di aver lasciato la mia scatola magica sul pavimento dove vive Benjamin. Quindi prendo l’ascensore fino al suo piano.

Benjamin sta pranzando e quando mi vede è raggiante. Fingo di aver perso di nuovo la voce. Ride e ride. Dice la parola magica; la mia voce ritorna. Vedo la mia scatola magica sul bancone. Gli sorrido e saluto un’enorme onda. Mentre corro lungo il corridoio che esce, lui urla: “Ti amo!” Puoi leggere altre storie come questa sul nostro sito web dove i contributi dei nostri finanziatori sono riconoscenti. Spread the love Categorie: Matthew Holt “,” “,” “,” “,” “,” “,” “,” “,” “,” “” https://thehealthcareblog.com/blog/2009/02/ 04 / carmona-could-be-logical-pick-for-hhs-job / “,” 200 “,” OK “,” di Val Jones L’amministratore delegato Merrill Goozner ha speculato su chi sarà nominato nuovo segretario di HHS. Ha esaminato i suoi candidati più probabili (David Cutler o David Blumenthal) e ha inserito un potenziale candidato “cavallo oscuro”: Ken Thorpe (che ho intervistato più volte su questo blog e con cui ho trascorso del tempo durante la cerimonia di inaugurazione di Obama). Tommy Thompson mi ha detto che il candidato è probabilmente un governatore democratico attuale o ex (come Kathleen Sebelius o Howard Dean). Ma ho riflettuto sulla questione del “colpo lungo” e penso che Goozner potrebbe aver perso una scelta più ovvia: qualcuno che lavora con Ken Thorpe presso la Partnership to Fight Chronic Disease: l’ex Surgeon General Dr.

Richard Carmona. Ecco i 10 motivi per cui Richard Carmona sarebbe una scelta intelligente per il Segretario di HHS (in ordine casuale): 1. È stato confermato dal Senato come Surgeon General nel 2002 e ha vissuto sotto il loro controllo durante il suo mandato, il che significa che ha nessun segreto nascosto, tasse o problemi di bambinaia che potrebbero mettere in imbarazzo Obama e potrebbero essere confermati rapidamente, forse in meno di una settimana. 2. Ha instaurato ampi buoni rapporti con entrambe le parti nel corso del suo mandato come Surgeon General ed è conosciuto a livello internazionale. 3. È stato amministratore delegato di un ampio sistema sanitario pubblico (inclusi ospedali, cliniche Medicare e Medicaid, case di cura e sistemi medici di emergenza in Arizona). 4. È stato paramedico, infermiere e medico e conosce il sistema sanitario dall’interno. 5. Ha una comprovata esperienza di leadership nella prevenzione, preparazione, disparità sanitarie, alfabetizzazione sanitaria, salute globale e diplomazia sanitaria. Ha lavorato su entrambi i lati del corridoio, inclusa l’assistenza al senatore Kennedy con problemi di disabilità e determinanti socio-economici della salute. 6. È ispanico, il che annuncia ulteriore diversità al gruppo dirigente di Obama. 7. Ha esperienza nella gestione di programmi sanitari locali, statali e federali, inclusa una significativa esperienza in materia di immigrazione e salute alle frontiere. 8. Ha dimostrato competenza e leadership come manager del servizio sanitario pubblico degli Stati Uniti di oltre 6000 funzionari della sanità pubblica in uniforme sia a livello nazionale che internazionale. 9. Ha una vasta esperienza militare ed è un veterano del Vietnam decorato in combattimento.

Mantiene uno stretto rapporto con i chirurghi militari generali e il dipartimento della difesa. 10. Il fatto che sia un politico indipendente potrebbe effettivamente fornire una via di mezzo per i partiti con diversi programmi nella riforma sanitaria. Il punto numero 10 è un rompicapo? Può essere, ma Obama potrebbe guardare più lontano e fare molto peggio. E mentre il tempo stringe e la credibilità è fondamentale (come ha scritto Maggie Mahar, “La riforma deve essere supervisionata da qualcuno che è percepito come al di sopra di ogni sospetto, più puro della moglie di Caesar”), penso che il team Obama / Biden abbia bisogno di fare un passo avanti guardate la dottoressa Carmona. In realtà è il candidato più esperto ea basso rischio in discussione e potrebbe davvero colpire il terreno con successo all’HHS. E non sarebbe bello avere un medico che è anche un esperto di politiche sanitarie con esperienza manageriale avanzata a capo del tavolo della riforma sanitaria? Spread the love Categorie: Uncategorized Etichettato come: Uncategorized “,” “,” “,” “,” “,” “,” “,” “,” “,” “” https://thehealthcareblog.com/blog/2006 / 10/06 / piani-sanitari-medicare-vantaggio-aggiustamento-rischio-è-la-chiave-reale / “,” 200 “,” OK “,” John Caroll (un collega editore “Fierce”, non che io ‘ m uno di più) offre ai piani Medicare privati ​​un percorso piuttosto morbido e mostra che apparentemente tutto va bene per Managed Medicare! “” La traiettoria per l’assistenza gestita è molto buona “”, afferma Mark McClellan, MD, PhD, il direttore del Centri per Medicare Medicaid Services, in un’intervista con Managed Care (mentre questa storia è arrivata sulla stampa, McClellan ha annunciato i suoi piani di ritirarsi da CMS). Egli indica in modo ottimista i grandi guadagni nell’iscrizione a Medicare Advantage, i nuovi arruolati nei piani per i farmaci da prescrizione e maggiori benefici in vista per il coordinamento dell’assistenza ai beneficiari più malati come indicatori positivi di ciò che verrà. La riforma di Medicare ha cambiato radicalmente il modo in cui questo mercato funziona per la gestione cura, dice McClellan, indicando un pacchetto di benefici che combina un beneficio per farmaci con incentivi per cure preventive e il resto dei benefici tradizionali in “” un pacchetto in cui i piani di Medicare Advantage possono davvero eccellere. “” Niente di merda Sherlock. Mettiamo un’enorme quantità extra nel gattino per i piani di assistenza gestita privati, e cosa ci aspettavamo? Tuttavia, abbiamo già visto questo film e sappiamo che a) nel complesso questo costa di più per il sistema, eb) quando i profitti soprannaturali scompaiono, lo stesso vale per l’interesse più schietto del settore privato.

Nel frattempo per fortuna solo il contribuente / banca centrale cinese si fa fregare. La domanda è cosa succede quando interviene l’adeguamento al rischio reale. Poi vedremo se Medicare Advantage può sostenersi e innovare in termini di miglioramento dell’erogazione delle cure a un costo inferiore. Lo spero, ma considerami uno scettico. Spread the love Categorie: Uncategorized Etichettato come: Assicuratori “,” “,” “,” “,” “,” “,” “,” “,” “,” “” https://thehealthcareblog.com/blog/2007 / 03/06 / tech-ahrq-to-the-rescue / “,” 200 “,” OK “,” Le mie fonti di crack mi dicono che presto potrai fare il pieno di webinar da AHRQ su argomenti vicini e cari a un HC Scuote il cuore. Il 15 marzo si terrà un webinar sul linguaggio contrattuale modello per lo scambio di informazioni sanitarie.

Il 28 marzo c’è un webinar sugli aspetti socio-tecnici dell’IT della salute e il 10 aprile c’è un webinar sulla valutazione della sanità elettronica del Massachusetts (con David Bates). Se quel lotto non ti fa andare avanti, allora niente lo farà! Spread the love Categorie: Uncategorized Etichettato come: Startups “,” “,” “,” “,” “,” “,” “,” “,” “,” “” https://thehealthcareblog.com/blog/2006 / 01/04 / policypolitics-let-them-eat-cake / “,” 200 “,” OK “,” Ricordi prima delle elezioni del 2000 quando Bush disse che non dovevamo bilanciare il bilancio sulle spalle dei poveri? Stava ovviamente scherzando (e non solo sulla parte di bilanciamento), come sottolinea Bob Herbert nel suo articolo – The Machete Budget. Confrontate i tagli a Medicaid che sono nell’ultimo bilancio con i $ 10 milioni spesi per un partito bahmitzvah da un appaltatore della difesa che ha guadagnato $ 70 milioni l’anno scorso fornendo giubbotti antiproiettile apparentemente difettosi alle nostre truppe. E affermano che non c’è profitto di guerra. Ovviamente nella seconda guerra mondiale un vero eroe americano, Harry Truman ha fermato quella roba di colpo. Spread the love Categorie: Uncategorized Etichettato come: Policy / Politics, Uncategorized “,” “,” “,” “,” “,” “,” “,” “,” “,” “” https://thehealthcareblog.com / blog / 2006/08/28 / hospitals-tony-chen-happily-paranoid / “,” 200 “,” OK “,” All’impatto dell’ospedale Tony Chen è un po ‘paranoico riguardo ai molteplici concorrenti che gli ospedali potrebbero dover affrontare: io penso che staranno bene se continuano a pagare i lobbisti. D’altra parte Tony, solo perché sei paranoico non significa che non vogliano prenderti! Spread the love Categorie: Uncategorized Etichettato come: Uncategorized “,” “,” “,” “,” “,” “,” “,” “,” “,” “” https://thehealthcareblog.com/blog/2005 / 05/17 / la-prescrizione-di-tecnologia-riguarda-i-rinnovi / “,” 200 “,” OK “,” Edmund (Bill) Billings, un altro ex amministratore delegato dell’Oceania veteran ora gestisce una società di consulenza chiamata Phyxe che aiuta i documenti a diventare operativi con ePrescribing.

  Il primo punto chiave è che i fornitori non si stanno concentrando sui rinnovi … quando ha giudicato il concorso per TEPR, solo 3 dei 12 fornitori avevano “” rinnovi “” come ricerca di parole che è emersa. Eppure i rinnovi sono il problema più grande del sistema, in realtà peggio delle ricariche. I nuovi script non sono un grosso problema Aveva un esempio di un dottore pediatrico solista che aveva 400 bambini con ADD che avevano bisogno di un rinnovo / ricarica ogni mese. Utilizzando DrFirst sono passati da 10 minuti a meno di un minuto per effettuare un rinnovo e ridurre il tempo del personale, il telefono / fax proveniente dalla farmacia, ecc. Un altro esempio è stato uno studio di due internisti che ha utilizzato Oncall. Hanno tagliato le telefonate (il problema principale era stato la leggibilità). Ha ridotto drasticamente il tempo di ogni attività (come l’autorizzazione di rinnovo, la scrittura di nuove richieste, la richiesta di rinnovo, le chiamate dalla farmacia) e ha reso la sua pratica molto più produttiva. Questa pratica è molto soddisfatta di Rx alla fine, ma meno soddisfatta della fine dell’elaborazione in farmacia, suggerendo che la farmacia è all’altezza. E questa pratica vuole partire da questo per ottenere una migliore messaggistica, ottenere l’autorizzazione Rx attiva e funzionante, ecc.

I rinnovi complessivi sono un grosso fardello e il medico sottovaluta l’impatto sul proprio personale. A volte, il documento ora esegue più rinnovi dopo ePrescribing. Entrambi sono basati su ASP. Ed dice che i prezzi si aggirano intorno ai $ 50 al mese, ma che Docs potrebbe pagare di più quando capiscono quanto lavoro straordinario per il loro personale potrebbe ridurre. Questa potrebbe essere la prima volta che vedo un vero caso aziendale per un documento che paga per un’app di ePrescribing. Spread the love Categorie: Uncategorized Etichettato come: Startups “,” “,” “,” “,” “,” “,” “,” “,” “,” “” https://thehealthcareblog.com/blog/2004 / 06/09 / hospitalspolicy-for-profit-cost-more-but-thats-not-the-point / “,” 200 “,” OK “,” In una pubblicazione che (la punta del cappello a Jacob at Family Medicine Notes a chi ci si deve congratulare anche per l’ottimo upgrade a Medlogs) viene dal Journal of the Canadian Medical Association una meta-analisi conferma che negli USA gli ospedali for-profit fanno pagare circa il 20% in più rispetto alle no-profit. Questa non è affatto una novità.

In effetti, mi sono ricordato di aver letto quasi esattamente la stessa cosa quando ho appreso per la prima volta del settore ospedaliero statunitense nel 1990. Quello che hanno fatto i canadesi è stato di fare una valutazione davvero approfondita di ogni studio sull’argomento, e fondamentalmente conferma il mio ( spesso difettosa) memoria.